venerdì 6 novembre 2015

Parte la formazione per i docenti bibliotecari -Corso e Master di 1 livello-  realizzata in collaborazione con l'Associazione Italiana Biblioteche e la IUL, l’Italian University Line università telematica riconosciuta dal MIUR con DM 2/12/2005, autorizzata ad istituire ed attivare corsi universitari a distanza (laurea e laurea specialistica, master di I e II livello, corsi di perfezionamento). 
L’Ateneo è attualmente partecipato da INDIRE e dall'Università degli Studi di Firenze.

domenica 1 novembre 2015


La Storia nella Scuola. Per una didattica delle competenze verso un nuovo umanesimo.    




Il dinamismo evolutivo della società post-moderna tracima in ogni forma della cultura, sia della pratica che della theoresis; la pedagogia, disciplina poietica, non ne è esclusa, anzi.
Nella scuola, laboratorio permanente di futuro, si stanno costruendo itinerari innovativi per aderire ai bisogni formativi dei giovani che, mi sembra, siano straordinariamente nuovi negli strumenti ma non sul piano dei valori.  Il valore assoluto resta la cittadinanza come esercizio completo di impegno, rispetto e condivisione.
La scuola, oggi come ieri, deve formare l'uomo e il cittadino ma la società –nella sua complessità – ha bisogno di competenze euristiche ed ermeneutiche più che di competenze specifiche; i saperi sono poca cosa se la Persona creativa non li sa utilizzare per generare il nuovo logòs.
La società rinnovata ha bisogno di cittadini "adatti" ai modi e alle cose e l'anello di congiunzione fra l'individuo e la società è l'insegnamento della democrazia, come ci guida a pensare Edgar Morin.

mercoledì 28 ottobre 2015

mercoledì 14 ottobre 2015

Corso di Formazione Il Veliero Parlante 2015-201



Rete Il Veliero Parlante presenta
Corso di formazione a.s. 2015-2016
Rotta verso il Futuro
Ambiente Cittadinanza Partecipazione
input ed itinerari per la didattica per competenze
tracce spunti sollecitazioni rivolti a dirigenti e docenti di scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo e di secondo grado

Il corso si terrà presso l’Istituto Comprensivo “G.Falcone” di Copertino, Via Regina Isabella, dalle ore 16,00 alle ore 20,00.

Calendario degli incontri:

Mercoledì 21 ottobre 2015
Ore 16,00-20,00
Davide Pati e Attilio Chimienti: Libera Tutti. Passi verso la legalità. Proposte didattiche per la                              conoscenza e la valorizzazione dei beni sottratti alla mafia

domenica 26 luglio 2015

Sogno di un alunno

Sogno di un alunno


Se io potessi trasformare
la mia scuola in quel che mi pare
farei spuntare intanto qua e là
alberi azzurri della elicità.

Trasformerei i lunghi corridoi
in piste di pattinaggio per tutti noi
e giù in palestra farei  allestire
una sala giochi da non poterti dire.

Poi: in biblioteca il Servizio Bar
e in segreteria, parola mia,
farei nascere una pizzeria,
per avere la merenda alla maniera mia.

Nell’atrio metterei una giostra certamente
per cominciare la giornata allegramente,
e farei nel cortile un prato pieno
di rose, ranuncoli e viole del pensiero.

Venire a scuola così ci permetterebbe
di studiare e imparar libri a bizzeffe;
io penso che maestri e professori
coinvolti dalla festa e dai clamori
sarebbero anche loro più contenti
di vivere con noi questi momenti


                              

lunedì 13 luglio 2015

La lettura tra famiglia e scuola


Rivolgiamo alcune domande alla dirigente scolastica Ornella Castellano sull'importanza della lettura per bambini e ragazzi e sulle cause del crescente disinteresse che questa riscontra presso le giovani generazioni.

-          Prof.ssa Castellano, i sondaggi denunciano un disamore generalizzato verso la lettura.  In particolare, la fascia più consistente di non lettori è costituita da ragazzi tra i 6 e i 17 anni.  Quali sono,  a suo parere,  le cause di questo divorzio ragazzi-lettura considerata la sua lunga esperienza di docente prima e dirigente ora , sempre a contatto con i bambini? Ci sono, delle responsabilità della scuola?

Si, purtroppo. La scuola ha le sue responsabilità precise. Innanzi tutto è importante distinguere la lettura funzionale, cioè la capacità meccanica di leggere dall’amore per la lettura che rimanda al piacere di leggere.
Mentre per il primo aspetto la scuola è certamente molto ben attrezzata, per il secondo

mercoledì 24 giugno 2015

IN FAMIGLIA


Siano venti, siam sorelle e, come sai, siam tutte belle. Ora insieme, se permetti salutiamo tra i balletti la bandiera  dell‟ Italia che ci unisce e che ci ammalia.

Un testo poetico dedicato alle Regioni italiane tradotto in inglese ed in francese
http://issuu.com/yornella7/docs/poetando

Scarica il libro

martedì 2 giugno 2015

TESSITORI DI STORIE. I MARINAI DELLA SCUOLA SALENTINA

 

Quell’anno, tre anni fa, ci eravamo dati quale ambito di riflessione la didattica per l’Ambiente.
Ci eravamo ripromessi, impostando il nostro impianto di ricerca, di approfondire contenutisticamente questa ampia ed importante porzione di saperi, da aggiornare continuamente con gli studi tecnico-scientifici di settore e di riscrivere, in conseguenza, i nostri itinerari formativi del CIVES, l’asse del POF per la Cittadinanza.
Si trattava di adottare l’Ambiente

sabato 25 aprile 2015

LA BANDIERA

Io sono l'asta della bandiera
e tengo racchiusa la storia intera
di quest'Italia che ha tanto sofferto 
prima di essere un unico tetto
per tutti quegli italiani
che prima erano solo romani, lombardi o siciliani.

Mi han parlato di eroi, combattenti e soldati
ma sono cose che ancora non so
che presto o tardi imparerò.

Per ora so solo che in Italia c'è
un posto per tutti; anche per me.

Io sono il verde
colore di speranza 
che ricorda dell’Italia
la fertile campagna,
fatta di fiori e frutti  da rispettare
perché son di tutti.

Io sono il bianco,
eccomi qua
a portarvi un messaggio di bontà
di fratellanza e solidarietà.

Io sono il rosso, colore del cuore
degli italiani ricchi d’amore
che aprono le braccia a chi ha bisogno
alle persone di tutto il mondo.

E voi chi siete?

Siamo l’azzurro del mare blu
che bagna l’Italia da sotto in su .
Sono l’emblema di questa terra
che faremo sempre
più ricca e più bella.

lunedì 20 aprile 2015

martedì 17 marzo 2015

La certificazione delle competenze

CM n.3 del 13 febbraio 2015


Oggetto: Adozione sperimentale dei nuovi modelli nazionali di certificazione delle
competenze nelle scuole del primo ciclo di istruzione.

SCARICA PRESENTAZIONE

venerdì 6 marzo 2015

Essere donna oggi tra contraddizioni e ricerca di futuro

 


Pensare di costruire il futuro
 usando gli stessi strumenti 
del passato e’ follia.
 A. Eistein 

     
 Nella fabbrica quotidiana della vita, quasi inconsapevolmente, modifichiamo gesti ed abitudini; usiamo parole nuove, costruiamo nuovi quadri valoriali, accettiamo atteggiamenti impensabili fino a ieri. In questo lavorio indistinto e frenetico si crea il modello sociale, le ragioni che ispirano i gesti e i pensieri, che si aggregano e diventano opinione.
Essere protagonisti del presente significa essere al passo con i tempi, saper agire la comunicazione attraverso la Smart tecnology, ma soprattutto significa agire moralmente per costruire e preparare, ai cuccioli della nostra specie, un futuro ricco di opportunità. Chi non guarda al di là del gesto immediato, chi agisce egoisticamente, danneggiando gli altri e depauperando la natura non è degno di chiamarsi Cittadino: è parassita e ladro di futuri. Dobbiamo creare un futuro

domenica 15 febbraio 2015

Il segreto della stiva del Veliero

A bordo del Veliero, nella grande stiva
Aveva la sua tana un topo un po' speciale
Di giorno dormicchiava, così si nascondeva
Nessuno immaginava che lui vivesse lì.

Ma quando i professori di sera andavan via,
Il topo riaccendeva il faro del Veliero
In fretta dalla stiva un libro si sceglieva
E a leggere iniziava con gran curiosità.

Evviva la lettura! Comincia l'avventura
Un sogno ad occhi aperti nel mondo che vuoi tu.

sabato 7 febbraio 2015

Premio Calliope. Comunicare emozioni con la poesia


Verso un nuovo umanesimo. Dal Salento bagnato da due mari, il concorso di poesia al femminile.

Nell’anno sociale 2014 la Sezione Fidapa di Copertino –Lecce ha dato avvio al concorso di poesia Calliope, rivolto alle donne.
Il concorso e’ l’occasione per offrire uno spazio alla buona comunicazione. Troppo spesso, in questo tempo Smart, si riducono i tempi della riflessione e dell’introspezione che, nelle menti illuminate, possono generare forme d’arte. Calliope guida verso la poesia e la incoraggia.
Il premio Calliope, infatti, oltre a valorizzare la capacità femminile di raccontare le emozioni, si offre quale occasione didattica verso le bambine e le ragazze che, avvicinandosi alla poesia, possono far germogliare nuove forme d’arte. Per questo diffondiamo il concorso, attraverso le socie, anche nelle scuole, oltre che a tutte le sezioni Fidapa nazionali.
Tutte le donne possono partecipare perché sono state individuate tre categorie: Primule, Margherite e Rose.
Primule e’ riservato alle giovanissime: le bambine e le ragazze fino a 15 anni.  E’ questo

domenica 1 febbraio 2015

FIDAPA - Cerimonia delle Candele



Verso un muovo umanesimo


La qualità di una specie si misura sulla capacità di accudire e proteggere i suoi cuccioli; la qualità di un Popolo nella capacità di progettarsi attraverso la forza dei suoi giovani.

La specie umana si è dimostrata avida e improvvida nell’aver dilapidato buona parte del capitale naturalistico di cui ha saputo impadronirsi a scapito di tutte le altre specie. Si presenta agli occhi dei nostri figli lo sfacelo determinato dallo sfruttamento del pianeta perpetrato impunemente per secoli; ora tanta stoltezza fa paura, ma la miopia famelica dell’uomo è lontana dall’essere superata.

L’uomo non ama i suoi cuccioli, non sa proteggerli, perché non ha ancora superato la barbarie della guerra,

mercoledì 21 gennaio 2015

La casa sul gelso

Erano solo le sei del mattino in quella improbabile stagione a rovescio e già una luce spavalda filtrava tra le assi della casetta e mi solleticava -dispettosa e civettuola- le palpebre.
"Cosa fai?" -mi sussurrava- "Dormi?!?"  -mi canzonava.
Allora, imbronciata e scapigliata, mi voltavo per tentare di intimorire la luce, decisa a farla desistere, cercando di spegnerla come si fa con una sveglia, convinta di non poter lasciare Morfeo ed il suo abbraccio: non ancora... solo un altro po'...
La lotta tra Sonno e Sole; il dio della notte che combatte col dio della luce; stava per infuriare la più epica delle battaglie ed io ero li, al centro, nella mia casa sul gelso, e dovevo decidere, da prode Paladino, se vestire l'armatura del Buio o quella della Luce.
Tentennare, resistere, poltrire.
Ecco pero' che la coscienza dell'azione affiora lenta e strisciante e fuga i dubbi, proponendoti viaggi e scoperte, promettendo incontri ed emozioni. Allora, piano piano, i capelli si distendono e gli occhi si spannano e i pensieri cominciano a scoppiettare...
Devo andare.
Quante cose posso fare: c'è Tom che mi aspetta e alla radio già raccontano il mondo. Oggi leggero' Primo Levi e poi disegnerò il mare; ho una partita nel pomeriggio e non posso dimenticare di passare a dare un bacio a nonna -perché io lo so: un mio bacio vale come 8 delle medicine che le danno i dottori!
Allora mi preparo ad una splendida giornata normale. Mi lavo con la pazienza, mi profumo con la simpatia e mi vesto con un sorriso; ecco, sono pronta.
Vado a scuola.



Ornella Castellano
Dirigente Scolastica
Ist. Comprensivo "G. Falcone"

sabato 10 gennaio 2015

La scuola come ambiente d'apprendimento emozionale



L'educazione alle emozioni è uno dei percorsi fondamentali nella scuola del primo ciclo di istruzione tanto da acquisire la valenza di prospettiva di sfondo ai curricoli squisitamente disciplinari e interdisciplinari.
Nella moderna logica formativa che ci sostiene i saperi disciplinari non risultano più significativi tout court ma determinanti perché funzionali al potenziamento delle diverse forme dell’Intelligenza[1]. Il riferimento è alle Intelligenze multiple di Howard Gardner[2] e alle ricerche delle neuro scienze che, sostenendo teoricamente la riflessione pedagogica relativa alla didattica per competenze, guidano i docenti ricercatori verso la costruzione dei nuovi impianti didattici improntati al learning by doing, alla metodica laboratoriale.
La funzione istituzionale della Scuola è di innalzare il capitale umano della società, di migliorare, cioè, la capacità di affermazione di ogni individuo che, attraverso il training scolastico, si prepara a vivere il futuro da cittadino attivo e produttivo. Siamo chiamati, quindi, non più a fornire saperi e tecniche -a riempire teste- ma a stimolare pensiero critico e creativo; il telòs è quello di formare le