giovedì 7 novembre 2013

La finestra

Cerco il cielo
oltre la linea del mare
Verso il tempo quieto
che appare lontano
Luci come lucciole
luci come lampare
A illuminare i minuti
che marciano come tartarughe
sorridenti e beffarde
secolari soldati indifferenti
Inutile correre
inutile come morire
Lanciarsi nel nuovo
e cercare le ancore della sapienza
Tocco la nuvola
Bagno le dita di promesse
e soffio pulviscoli di paure
per rincorrere la forma del domani

sabato 2 novembre 2013

Il Lago


Prende i pensieri
e rivendica assoluti
li tinge di bruma
tra sussurri di fronde
Conquista il tuo profondo
senza chiedere, senza dubbi
sorride, incurante
e tu, sbigottito tremi di paura
Prepotente ruba i tuoi sensi
il lago delle promesse
di riposi tranquilli
di pace operosa e felice
Nel lago dei miei pensieri