Post

29 Ottobre 2020

Ragazzi miei, alunni e docenti tutti Sento il bisogno di rivolgervi un saluto in questo momento tanto difficile per la nostra Nazione. Sono sicura che ci libereremo molto presto di questo virus terribile, tanto subdolo quanto invasivo; presto ma non subito. Purtroppo. Ciascuno di noi è chiamato ancora una volta ad abbandonare la compagnia dei pari per ridurre i rischi di inutili esposizioni e contagi. Ciascuno di noi, nessuno escluso. Oggi eravamo tutti tristi: lo ero io, i docenti, i bidelli e il personale di segreteria. Eravamo tristi perché ci mancherete.  Dobbiamo ricominciare ad incontrarci esclusivamente attraverso lo schermo del pc, ma lo sappiamo fare benissimo, ormai. Non dimenticate mai, tuttavia, che il solo non venire a scuola non basta: dobbiamo ridurre tutti i movimenti appena ciò risulta possibile, non dobbiamo mai abbassare la guardia.  Il tasso dei contagi sta salendo vertiginosamente e dobbiamo rinunciare a molte situazioni piacevoli ora per accelerare la risoluzione

L’orientamento formativo nel futuro della scuola

Immagine
  L’orientamento formativo nel futuro della scuola, il webinar promosso dalle Avanguardie educative Lunedì 16 novembre (ore 17:00-19:00), nell’ambito dell’iniziativa “Formarsi e confrontarsi con le Avanguardie educative” si svolgerà il webinar “L’orientamento formativo nel futuro della scuola”. L’orientamento formativo è un tema di grande attualità e rappresenta per la scuola uno snodo strategico a livello didattico e organizzativo, un paradigma trasversale che interseca l’innovazione coinvolgendo esperienze e processi di pensiero come l’imprenditorialità, la narrazione di sé, le discipline STEM e i laboratori per il futuro. Come si può ripensare l’orientamento formativo nella situazione attuale condizionata dal Covid-19?  Tale domanda generale aprirà il confronto tra esponenti del mondo della scuola, dell’Università e delle imprese, che dialogheranno sui temi dell’orientamento, della didattica orientativa e dei laboratori per il futuro. Interverranno:  Antonio Guida, Ambassador di Ava

Digital Factory

Convegno Curricoli Digitali

Immagine
  Convegno Digital Factory Azione #25 / Rete Bit & Nuvole - Curricoli Digitali   La rete BIT & NUVOLE riunisce 52 scuole dell’intero territorio nazionale, vincitrici del bando PNSD Azione 25 “ Curricoli Digitali ” che condividono il bisogno di approfondire un settore della innovazione della didattica che è quello della integrazione sistematica e capillare del mediatore digitale nella pratica didattica laboratoriale.

Bit & Nuvole Curricoli Digitali

Immagine

AGENDA 2030

Immagine

Le scelte che non ho fatto

Immagine
La digressione è il mezzo di chi sa che stando ai bordi si vede il centro

Buona Pasqua 2020

Immagine
In questo tempo speciale non possiamo che farci auguri diversi dal solito, che corrispondono alle sensazioni e alle emozioni che proviamo e che sono tanto diverse dalla solita gioia festosa della primavera e della Pasqua. Covid 19. Così è. Il dramma collettivo, la paura e l’impegno civile ci accomunano in questo triste momento. È una guerra contro un nemico sleale e talmente pericoloso da mettere in ginocchio l’umanità intera. Fosse la terza guerra che si paventava? No. Questi drammi hanno puntellato la storia dell’umanità e ne segnano tristemente le tappe. Stavolta è toccato a noi; ci siamo dentro e dobbiamo vestirci da soldati e lottare per uscirne con meno danni possibili. Tutti siamo impegnati; ogni cittadino opera sul suo fronte e quello più difficile è certamente quello dei medici e dei sanitari, il più pericoloso. Noi siamo educatori e la nostra cura oggi è quella di sempre: i nostri ragazzi, le nostre scuole. Abbiamo affrontato l’emergenza con una dedizione ed un impegno che n

Linee guida per la didattica a distanza

La non scuola al tempo del Coronavirus

Equinozio di primavera 2020

Immagine
Buongiorno a tutti In questo strano equinozio di primavera sento il bisogno di scrivervi per condividere con voi dei pensieri. Questo terribile tempo di mezzo che stiamo vivendo ci costringe a guardare con occhi nuovi la realtà. Temo che dopo saremo tutti diversi. I messaggi che giungono dai media, i bollettini di questa guerra virologica, sono salti nel baratro della paura che è sorella dell'ansia che ci rode dentro. Penso all'isolamento di chi, come noi, era abituato a vivere nel rumore delle aule, delle riunioni, degli incontri. Ora ci mancano le voci dei ragazzi, le corse mattutine, gli sguardi con i colleghi. Ci mancano i tramonti sul lungomare più bello del mondo della nostra Cisaria. Ci manca tutto.